I miei primi 11.000 Km con i Dunlop RoadSmart 2

Il RoadSmart 2 secondo Dunlop

roadsmart II logoUscito nel 2011 il Dunlop RoadSmart 2 ha fin da subito l’obiettivo dichiarato di stabilire nuovi standard di riferimento per tutti motociclisti, soprattutto per i più esigenti.
Il Dunlop RoadSmart 2 è un pneumatico sport-touring di eccellente qualità, nato per combinare tutte le caratteristiche necessarie di sicurezza, maneggevolezza e affidabilità, per raggiungere un chilometraggio superiore in ogni condizione climatica (neve esclusa aggiungerei io).
Gli pneumatici Dunlop RoadSmart 2 promettono un mix ottimizzato di trazione, aderenza, stabilità, confort e tenuta di strada grazie alle collaudate tecnologie JLB e Multi-Tread.
Particolarmente adatti a moto da Touring di grande stazza con speciale vocazione verso lo sport, vedi Yamaha FJR 1300.
Struttura rivista con scanalature anteriori appositamente progettate per ridurre gli spazi di frenata sia su asciutto che su bagnato con uno scheletro progettato per una tenuta di strada facile e neutra sia alle alte che basse velocità.

Jointless Belt JLB Technology

roadsmart II jlbL’utilizzo della tecnologia JLB elimina la cintura di sommità presente in alcuni pneumatici con indiscutibili vantaggi in maneggevolezza e sensibile riduzione dell’effetto shimmy.
Questo tipo di costruzione minimizza la deformazione del battistrada centrale alle alte velocità, mantiene costante l’impronta a terra e limita l’eccessivo surriscaldamento.

Multi Tread Compound Technology

roadsmart II multi_treadLa mescola nella parte centrale della gomma costituisce la superficie di contatto con la strada quando la motocicletta è in posizione verticale e la speciale formulazione chimica della mescola evita i surriscaldamenti garantendo grande stabilità in rettilineo e durante le frenate, oltre ad assicurare una durata maggiore del battistrada.
La mescola laterale costituisce la superficie di contatto con la strada quando la motocicletta è inclinata e qui è incorporata una mescola in gomma, appositamente ideata per migliorare il grip nei massimi angoli di piega.

Il Dunlop RoadSmart 2 secondo me

E’ importante ribadire come la scelta e la valutazione degli pneumatici sia una delle cose più soggettive e per questo è difficile darne un giudizio univoco che vada bene per tutti.
Il pneumatico è il punto di contatto tra noi e la strada e nel suo utilizzo e nel suo rendimento, ha grande influenza la sensibilità del pilota.
Diverse sensibilità, diverse sensazioni, diversi rendimenti, diversi giudizi.

roadsmart IIDetto questo, 11000 sono i miei chilometri dichiarati ma in realtà le condizioni in cui consegno gli pneumatici al mio gommista, per il cambio, sono abbondantemente oltre i limiti di usura.
Tradotto questo vuol dire che ho portato i miei RoadSmart 2 oltre il limite e che il chilometraggio utile deve essere almeno ridotto di circa 2000 km e forse anche qualcosa in più.
In effetti per quanto riguarda la durata questo pneumatico è andato ben al di sotto delle mie aspettative e rispetto ai risultati dei suoi concorrenti.
Su questo punto ci torneremo tra un momento, ora invece cerchiamo di capire qualcosa di più su caratteristiche fondamentali quali tenuta di strada e maneggevolezza.
Per quanto riguarda i tratti rettilinei dal mio punto di vista c’è poco da dire nel senso che il RoadSmart 2 risulta piacevolmente silenzioso e confortevole, ma soprattutto ha un ottimo grip in frenata, sia su asciutto che su bagnato.
Unica pecca è quel fastidioso effetto shimmy (sbacchettamento anteriore a circa 70-80 Km/h che si avverte solo lasciando le mani dal manubrio) che nemmeno la tecnologia JLB è riuscita ad eliminare come promesso.
Dove il RoadSmart 2 la fa da padrone, secondo me, è nel tracciato misto.
Le curve sembrano essere il suo habitat naturale ed è qui che il RoadSmart 2 esprime il meglio di tutta la sua tecnologia.
Preciso in entrata di curva, non si scompone mai grazie ad una aderenza impeccabile.
Stabile e neutrale in conduzione di curva, non chiude e non si raddrizza per un comportamento piacevolmente neutrale. Sempre generosa la trazione in uscita.
Maneggevoli e leggeri anche su una moto di grande stazza, circa 300 kg, come la mia Yamaha FJR 1300.
Con grande naturalezza si riesce ad arrivare al limite grattando le pedane in tutta sicurezza, potendo così apprezzare le ottime doti di grip, che la Multi Tread Compound Technology promette e questa volta mantiene.
Per finire riprendiamo il discorso durata interrotto prima, che come abbiamo visto va ben al di sotto degli standard della concorrenza tipo Metzeler e Michelin.
Dal mio punto di vista questo aspetto si può spiegare in due modi.
Il primo è che per il RoadSmart 2 non sono previste specifiche per moto pesanti, è vero che è progettato anche per queste ma è anche vero, che la gamma RoadSmart 2 va ad abbracciare un gran numero di modelli, molti dei quali dal peso decisamente inferiore e che perciò difficilmente può rispondere al meglio alle diverse esigenze dei vari modelli.
Credo quindi che una carcassa appositamente dedicata per moto pesanti potrebbe dare performance di durata superiore.
Il secondo punto è che il RoadSmart 2, per come è concepito, semplicemente ti permette di andare più veloce nel misto dove il consumo delle gomme è particolarmente sollecitato.
In poche parole si entra in curva più forte, in percorrenza di curva si va più forte e dalla curva si esce più forte sfruttando al massimo tutte le sue capacità di trazione. Condotte queste che portano letteralmente a “tritare” la gomma.
E’ vero quindi che le RoadSmart 2 durano di meno ma in cambio di elevate doti di trazione, aderenza e stabilità per un divertimento assicurato.
Valutazione personale a parte, quello che è certo è che il Dunlop RoadSmart 2 è un pneumatico, si sport-touring, ma con una propensione particolare verso lo sport.
Per chi invece ha uno stile più tourer che sport, e cerca prestazioni in durata di rilievo, penso che altri brand possano offrire di meglio, vedi Michelin Pilot Road 4 o Metzeler Roadtec Z8 Interact.

Licenza Creative Commons

Posted in Review and tagged , , , .